Creazione Contenuti
 | 11 Dicembre, 2019

Guida al SEO Copywriting

 scritto da:
SEO Tester Online
 @seotesteronline
9 min
Indice

E così, hai deciso di diventare un copywriter. Un SEO Copywriter, addirittura.

Buon per te! Sei pronto a lavorare su piani editoriali e sulla ricerca di parole chiave? Sei pronto a farti strada attraverso i title tag, gli headings e l’editing?

Eccellente. In questo articolo potresti imparare qualcosa su questo mestiere.

Definizione di SEO copywriting

Il SEO copywriting è l’attività di scrittura di contenuti per le persone e per motori di ricerca. No, non solo motori di ricerca. Abbiamo detto entrambi. Se scrivi per gli esseri umani e fornisci loro informazioni utili, stai già scrivendo per i motori di ricerca. Hai solo bisogno di prestare un po’ più di attenzione ad alcuni dettagli.

A questo punto, ti chiederai: che cosa rende i miei articoli ottimizzati per la SEO?

Qui troverai tutte le risposte. Analizzeremo tutte le fasi di un buon SEO copywriting. Cominciamo con le cose che devi fare prima di iniziare a scrivere.

SEO Copywriting: cosa fare prima di scrivere

Allora, stai fremendo per scrivere il tuo primo post sul blog? Va bene, ma aspetta un attimo. Prima di iniziare a scrivere, dovresti fare un po’ di ricerca su ciò che dovresti scrivere.

Fatti qualche domanda.

  • Cosa può essere interessante per il tuo pubblico?
  • Quali sono gli argomenti più caldi nel vostro settore?
  • Di cosa scrivono i tuoi concorrenti e come?
  • Qual è la tua unicità?

Non possiamo rispondere noi per te, ma possiamo insegnarti come trovare le risposte. Stai per imparare a:

  • preparare il brief;
  • fare la ricerca delle parole chiave e creare il piano editoriale;
  • scegliere il tono giusto;
  • costruire la struttura.

Come fare il brief

Che tu stia lavorando per un cliente o per il tuo brand, ci sono alcune domande che dovresti porre al tuo cliente (o a te stesso). Queste domande (e le loro risposte) costituiscono il brief, un documento che vi guiderà nella creazione del piano editoriale:

  • In quale settore stai lavorando?
  • Qual è il tuo obiettivo di business?
  • Perché qualcuno dovrebbe scegliere te rispetto a un concorrente?
  • Chi sono i tuoi concorrenti?
  • Sai quali azioni ti permetteranno di far crescere la tua attività? (aumentare i lead, conquistare un’altra quota di mercato, rebranding…)
  • Come vuoi raggiungere i tuoi goal attraverso il blog?
  • Conosci i tuoi punti di forza e di debolezza?
  • Quali sono le caratteristiche uniche del tuo prodotto o servizio?

Se lavori per qualcun altro, potrebbe essere un bel compito ottenere informazioni. Alcune aziende non hanno idea di cosa siano e di dove vogliano andare.

Poi devi scegliere cosa vuoi scrivere. Una volta deciso il tema generale, è necessario trovare gli argomenti per i singoli articoli. In breve, è necessario un piano editoriale.

Che cos’è il piano editoriale?

Il piano editoriale è l’elenco degli argomenti e degli articoli che li affronteranno. È uno strumento essenziale per il tuo lavoro di SEO copywriting. È un promemoria di chi sei, di chi è il tuo pubblico e di come lo terrai vicino a te e interessato ai tuoi contenuti. 

Come crearlo

Il modo più comune per creare un piano editoriale consiste nell’aprire un nuovo foglio di calcolo. Lì, si inseriscono gli argomenti primari e secondari di ogni post del blog.

Come trovare gli argomenti?

Prima di tutto, tieni presente chi è il tuo pubblico. Cosa potrebbe interessare al tuo target? Così avrai un’idea dell’argomento generale. 

Quindi, chiediti l’intento di ricerca che vuoi intercettare.

Ora sei pronto per la ricerca di parole chiave!

Ricerca di parole chiave

Prima di tutto, tieni a mente una cosa importante. Con il lancio di Hummingbird, la ricerca su Google è diventata semantica. Ciò significa che Google ora restituisce risultati basati sull’argomento, più che sulla query. 

Quindi, chiediti se la parola chiave che hai scelto è rilevante.

  • Per il vostro obiettivo;
  • Per i prodotti o i servizi che offri.

Tieni il tuo brief a portata di mano come promemoria.

Inoltre, se la parola chiave:

  • È rilevante;
  • È long tail;
  • Ha una bassa concorrenza;

È quella giusta!
Inoltre, mettiti nei panni del tuo lettore, prova a formulare una query che potrebbe digitare su Google, la cui risposta dovrebbe essere il tuo sito.

Quindi, individuare il bestseller (il suo nome comune, per esempio: “gelateria”), quindi espandere la parola chiave con delle specificità: “gelateria a Hawkings”, “sala gelateria a tema marinaro” ecc.

Come fare la ricerca di parole chiave

I SEO copywriter possono contare su un buon numero di strumenti utili e gratuiti per fare la loro ricerca di parole chiave e controllare cose come il volume e la concorrenza.

  • Ricerca Google e ricerche correlate: inizia scrivendo l’argomento che ti interessa sulla barra di Google. I suggerimenti per la ricerca possono darti un suggerimento della parola chiave long tail che potresti voler usare.
    Inoltre, le ricerche correlate possono fornire un buon numero di parole chiave secondarie.
    Tieni presente che, oltre alla parola chiave, puoi usare i sinonimi per rendere la tua lettura più fluida.
  • Ubersuggest: può dirti quanto volume e concorrenza ha una parola chiave.
  • Answer the public: può fornirti nuove idee per le parole chiave, sotto forma di domande.
  • Google Trends: con questo strumento, puoi scoprire l’interesse su un determinato argomento o parola chiave nel tempo. In questo modo, è possibile determinare se il post che stai per scrivere affronta un argomento caldo o meno.

Usa Keyword Explorer!

È possibile utilizzare tutti gli strumenti di cui sopra e avere ottimi risultati.

In alternativa, è possibile utilizzare il nostro Keyword Explorer.

keyword explorer esempio ricerca parola chiave

Porta le funzioni di questi strumenti in un unico tool. Con esso, puoi scoprire le parole chiave principali e secondarie risparmiando tantissimo tempo.

Scrivi con gusto: scegli il formato

Ora devi decidere la natura dell’articolo che stai per scrivere. Qual è il suo formato? Sarà lungo e piena di informazioni? O breve? Rick Burnes di Hubspot ha la ricetta perfetta.

  • 🥣 post cereali: post utili e brevi con un alto coinvolgimento e una pubblicazione quotidiana, come le ricette. Assicurati che siano utili e coinvolgenti;
  • 🥬 post spinaci: articoli che ti rendono un opinion leader. La maggior parte delle volte sono opinioni a proposito del vostro settore di riferimento;
  • 🍖 post polpettone: post molto lunghi pieni di informazioni. Ci vuole molto tempo per scriverli e leggerli, come quello che stai leggendo. Possono aumentare la tua reputazione e ottenere una buona traction.
  • 🌶 post tabasco: danno pepe alla conversazione lanciando messaggi controversi e spesso divisivi. Hanno, la maggior parte delle volte, un titolo audace e incendiario.
  • 🍫 post torta al cioccolato: articoli spensierati. Parlano di cose divertenti con video e fumetti. Mirano a intrattenere il lettore e aggiungere un po’ di leggerezza al vostro piano editoriale.

Allora, che tipo di articoli dovresti scrivere? Il nostro consiglio è un po’ di ciascuno; solo tu conosci la giusta quantità per ogni ingrediente. Vacci piano con tutto quel tabasco, comunque.

Puoi anche aggiornare i tuoi post “spinaci” e “polpettone” con nuove informazioni invece di scriverne di nuovi. In questo modo, avete i vostri articoli pillar.

Struttura

C’è l’ultima cosa da fare prima di iniziare a scrivere. Preparare la struttura del tuo articolo. Può sembrare una perdita di tempo, in realtà ne risparmierai parecchio.

La struttura è un semplice documento di testo in cui si delinea ciò che si sta per scrivere.

  • Inizia con la call to action se ne hai una. È un ottimo modo per indirizzare la tua scrittura nella giusta direzione.
  • Crea un elenco di paragrafi. Utilizza i titoli che desideri utilizzare nel tuo articolo. Dal momento che stiamo parlando di SEO copywriting, specifica gli heading.
  • Delinea gli argomenti che vuoi trattare sotto ogni titolo di paragrafo.

Cosa fare quando si scrive

Se non ti sei arreso al lavoro preliminare, abbiamo una buona notizia: è il momento di scrivere.

In questo paragrafo, scopriremo ciò che rende eccellente il SEO copywriting, dai titoli al giusto uso di parole chiave.

Anatomia di un titolo SEO-friendly

Abbiamo già parlato di tag title e heading per la SEO. Ecco un rapido promemoria. 

  1. Chiediti: “qual è il mio obiettivo?”, “Chi sono i miei lettori? “, “Che cosa stanno cercando?”.
  2. Gli heading devono includere la parola chiave principale o quelle correlate. Devono avere un senso anche per gli umani.
  3. Evita il keyword stuffing, ovvero la ripetizione eccessiva della stessa parola chiave.
  4. Gli heading seguono un ordine decrescente: inizia con un tag H1e continua con H2, H3 e così via.
  5. Utilizza un solo tag H1.
  6. Considera sempre la keyword prominence e la keyword proximity.
  7. Il titolo SEO deve essere lungo meno di 70 caratteri e 12 parole.

Inoltre, alcune caratteristiche rendono i titoli più convincenti.

  • Promessa di un benedicio (“aumenta le tue entrate con questa semplice regola”);
  • How-tos;
  • Numeri (“le dieci regole per…”)
  • Domande (Vuoi diventare ricco mentre dormi?”);
  • Empatia/problema condiviso (“so come ci si sente quando si è single e al verde”);
  • Verso il piacere (“prova a non ridere!”)
  • Lontano dal dolore (“non devi rimanere bloccato in un lavoro che odi”).

Evitare il ripieno di parole chiave

Il SEO Copywriting non è solo una questione di scrivere le giuste parole chiave più volte possibile.

Il SEO Copywriting si fa scrivendo bene. E utilizzando le parole chiave, certo. Ma devi concentrarti sul produrre qualcosa di utile e facile da leggere. I motori di ricerca lo apprezzano. Quello che non apprezzano è la ripetizione delle stesse frasi più e più volte.

Invece di abbandonarti al keyword stuffing dissennato, utilizza sinonimi. Google li riconosce. E penalizza il keyword stuffing, tra l’altro.

Occhio al linguaggio!

Speriamo di aver sottolineato abbastanza l’importanza di scrivere bene. Ma cosa puoi fare? Ecco alcuni suggerimenti di nientemeno che Stephen King, nel suo libro “On Writing“.

Usa un vocabolario semplice

Non c’è motivo di vestire la tua lingua di parole pompose e pretenziose. Qualunque cosa tu stia scrivendo, il tuo obiettivo è comunicare, dopo tutto. Ed è più facile farlo quando si usano parole che chiunque può capire.

Usare la grammatica semplice

Lo stesso vale per la grammatica. Qualunque sia la vostra padronanza (e quella del lettore) con le regole della lingua, probabilmente è troppo tardi per apportare miglioramenti significativi alle vostre competenze.

Quindi, cercate di scrivere il più semplice possibile. È possibile scrivere la maggior parte dei post del blog con tempi e frasi lineari. 

Tutto ciò di cui hai bisogno sono due cose: un soggetto che compie l’azione e l’azione stessa. Il verbo esprime l’azione. Nient’altro.

Ha funzionato per Hemingway, e ha vinto un premio Nobel. Può funzionare anche per te.

Scrivi frasi brevi

Puoi anche scrivere frasi più lunghe. Ma cerca di mantenerti breve. Ogni frase deve contenere solo un’informazione.

Suddividi il testo in paragrafi.

E tenerli ben separati. Provare a visualizzare un blocco di testo senza spazi vuoti tra i paragrafi. Non c’è nemmeno bisogno di leggerlo per sapere che sta per essere piuttosto una sfida. 

Utilizza la forma attiva per dare più azione alla frase.

Mr. King scrive: “Due pagine di voce passiva […] mi fanno venire voglia di urlare. È debole, è contorta, ed è anche tortuosa.

Evita gli avverbi

Come voce passiva, anche gli avverbi rendono il tuo linguaggio debole. Inoltre, sono spesso superflui e fanno pensare al lettore che non sei sicuro di ciò che scrivi. 

Cercate di eliminare tutti gli avverbi da qualsiasi testo. C’è una buona probabilità che il significato non subirà alcuna perdita.

Usa gli elenchi ordinati

Rendono la lettura più confortevole e a Google piacciono molto. Pensa a come ti vengono mostrati i featured snippet.

Circolarità

Puoi usare una metafora o qualsiasi altra figura retorica all’inizio dell’articolo. Poi usala per tutto il tuo post: un po’ nel mezzo e soprattutto alla fine. Funziona come filo conduttore e rende la lettura coinvolgente.

Cosa fare dopo la scrittura

Ora hai finito di scrivere. Pronto per la pubblicazione? Aspetta un altro po’. Supponendo che tu abbia fatto un’eccellente correzione delle bozze, ci sono ancora alcune cose da fare.

  • Crea uno snippet ottimizzato, con un buon titolo SEO e una buona meta description auto-esplicativa con la giusta call to action;  
  • Ottimizza l’Open Graph;
  • Utilizza immagini coerenti con l’argomento e scrivi alt-text per descrivere ciò che mostrano
  • Condividi il tuo articolo sui tuoi social network;

Utilizza il SEO Editor

Mentre il Keyword Explorer è il tuo compagno in fase di pre-scrittura, il SEO Editor è perfetto per le fasi di scrittura e post-scrittura. Ha tutto quello che ha il tuo programma di scrittura, con in più tantissimi strumenti per i SEO copywriter. Con SEO Editor puoi:

  • selezionare le parole chiave primarie e secondarie;
  • controllare quanto il testo è SEO-friendly in tempo reale;
  • modificare snippet e Open Graph;
  • controllare la densità delle parole chiave.
SEO Tester Online
Studia la SEO e scopri come portare il tuo sito web in prima posizione.

Lascia una recensione

avatar
  Subscribe  
Notificami
Articoli correlati
Share via
Copy link
Powered by Social Snap