Guide SEO
  5 min leggi
Scrittura SEO – 7…
SEO Tester Online
11 Dicembre 2020

Scrittura SEO – 7 Step per scrivere contenuti ottimizzati per Google

La maggior parte delle volte, nella scrittura SEO, produrre un contenuto utile non basta.

Infatti, la scrittura SEO è più di questo. A volte devi affrontare una competizione che si è già consolidata con ottimi contenuti. In questo caso, devi ricorrere a strategie più sottili.

Ti ricordi la tecnica grattacielo? Si tratta di una serie di strategie che mirano a prendere l’articolo meglio posizionato su internet per un determinato argomento. Quindi, si tratta di migliorare il suo contenuto e superarlo. 

È possibile combinare la tecnica Skyscraper con una strategia di scrittura SEO per creare non solo un articolo migliore, ma anche più SEO-oriented.  

Trova i migliori contenuti con il SERP Checker 360°

La prima cosa da fare è utilizzare lo strumento SERP Checker 360° di SEO Tester Online.

Con esso, puoi scoprire tutti i segreti della scrittura SEO del tuo concorrente (e molto altro ancora!) e suddividere il suo contenuto sotto ogni aspetto fondamentale per la SEO.    

Per avviare l’analisi, è necessario l’URL della pagina di destinazione. 

In questo caso, vogliamo creare il miglior articolo su come fare la pizza perché la nostra keyword research ci ha detto che è una parola chiave eccellente con cui classificarsi.

Quindi, selezioniamo la tab Copywriting ed esaminiamo l’articolo meglio posizionato per la nostra query.

Scrittura SEO

Nel nostro caso, il post sul blog https://ricette.giallozafferano.it/Impasto-per-pizza.html è al primo posto. Questo è il nostro obiettivo.

Controllare le parole chiave e l’intera copia con Copy Metrics

La prossima cosa da fare è analizzare la copia con Copy Metrics. Vai alla pagina dello strumento e inserisci l’URL dell’articolo di destinazione. Quindi, premi il pulsante 🔎.

Copy Metrics

Ecco cosa  vedrai.  A sinistra, avrai il testo dell’articolo con una heatmap delle parole chiave.

Testi SEO Friendly

Lo strumento metterà in evidenza le parole chiave e gli argomenti più rilevanti, passando dal rosso (più rilevante) al verde (meno rilevante). Puoi usare questi argomenti come keyword del tuo articolo!

Queste parole chiave vengono quindi ordinate per pertinenza a destra, sotto le parole chiave più rilevanti. Qui, puoi anche vedere dove vengono utilizzati (nell’URL, nelle intestazioni, nel titolo SEO). 

Di seguito, puoi vedere Idee per il tuo contenuto

Testi SEO Oriented

Questo elenco può darci un aiuto fondamentale nel nostro compito. Infatti, lì ci sono le parole chiave più rilevanti nel nostro argomento, anche quelle che il nostro concorrente non ha usato! È possibile aggiungerli a un elenco di parole chiave o analizzarli con Esplora parole chiave.

Scrivi un buon titolo SEO

Dopo l’analisi delle parole chiave, c’è la prima cosa da fare nella scrittura SEO: scrivere un titolo pertinente. Ricordati di tenerlo sotto i 70 caratteri e di includere la tua parola chiave principale.

Creare una struttura con intestazioni

Crea una struttura

Le intestazioni sono utili sia per i tuoi lettori che per te, lo scrittore SEO. 

Di solito includono la parola chiave principale (H1) e gli argomenti secondari (da H2 a H4). 

Le intestazioni ti consentono di dare la giusta rilevanza a tutti i tuoi argomenti, ma ti aiutano anche creare una struttura del tuo articolo prima di scriverlo.

Un consiglio di scrittura SEO: dopo aver fatto la tua ricerca sulle parole chiave, annotale nei titoli prima di scrivere il tuo articolo. Potrebbero non essere i tuoi titoli definitivi, ma possono comunque darti un’idea della struttura che vuoi dare al tuo articolo SEO.

Dopo di che, il gioco è fatto. Il tuo articolo comincerà quasi a scriversi da solo. Sarai più veloce e migliore nella tua scrittura SEO.

Naturalmente, sarà utile anche per i tuoi lettori, che troveranno le informazioni che stanno cercando in modo più rapido e più semplice.

Vai a Metriche SEO. In basso a destra, troverai l’elenco dei titoli che il tuo concorrente sta utilizzando. Dai un’occhiata per avere buone idee su come superarlo.

Testi SEO Oriented

Anatomia di un buon titolo di intestazione

H1 è in genere una versione estesa del titolo SEO e deve includere anche la parola chiave principale. Gli altri titoli di intestazione devono introdurre un sotto-argomento specifico, quindi ognuno deve avere una parola chiave secondaria.

Per ulteriori informazioni, vai al nostro post sul blog sulle intestazioni.

Crea contenuti utili 

La tua prima preoccupazione quando fai la scrittura SEO è quella di fornire ai tuoi lettori contenuti utili. Significa che devi dare loro informazioni originali, ben scritte e interessanti. 

Quanto dovrebbe essere lungo il tuo articolo?

Non c’è una regola fissa, ma cerca di mantenersi oltre 400 parole. Molto più, se puoi.

Per essere utile, deve contenere molte informazioni e mantenere il tuo pubblico non meno di un paio di minuti navigando il tuo sito web. In caso contrario, Google considererà i tuoi contenuti come spam o non utili e colpirà la tua posizione. 

Ad esempio, l’articolo preso in considerazione è lungo 1.365 parole, per 4:57 minuti di lettura. Una lunghezza non male.

Semplicità

Nella schermata qui sopra, sarai anche in grado di vedere la facilità di lettura. Si tratta di un’altra metrica che Google tiene molto in considerazione. Un contenuto utile è uno che non costringe il lettore a rileggere una frase più e più volte.

Come evitarlo? Scrivi frasi brevi, aggiungi un punto completo il più presto possibile, mantieni le frasi semplici cercando di scrivere proposizioni principali il più spesso possibile. Nel nostro caso, il nostro competitor non ha fatto un lavoro impeccabile, quindi possiamo fare di meglio.

Evidenziare il concetto critico

Per facilitare la lettura, evidenziare i concetti chiave utilizzando grassetto e corsivo. Soprattutto, evidenzia le parole chiave primarie e secondarie.

L’importanza dei collegamenti

I collegamenti fanno sì che il lettore continui a leggere. Questa è una cosa che Google vuole. Aggiungi link utili e pertinenti a pagine esterne al tuo sito web (link esterni) e al suo interno (link interni).

Troverai anche un elenco di link esterni e interni nell’articolo del tuo competitor sul copy metrics. Prova a fare di meglio sul tuo, aggiungendo più link!

Utilizzare immagini con tag alt!

Le immagini sono un ottimo complemento al tuo articolo. Danno al tuo pubblico una pausa durante la lettura e aggiungono ulteriori informazioni. Sfortunatamente, Google non può vedere di cosa trattano le tue immagini.

Questo perché, tra le altre raccomandazioni relative alle immagini, ti consigliamo di aggiungere un tag alt. Questo è un testo all’interno dell’immagine. È una parte fondamentale della scrittura SEO che dice al crawler ciò che l’immagine sta raffigurando.

Come possiamo vedere nel nostro Copy Metrics, il nostro concorrente non ha aggiunto tag alt ad alcune immagini. Questa è una cosa che possiamo sfruttare per fare un post sul blog migliore.

SEO Copywriting

Ricontrolla Copy Metrics!  

Ora che hai scritto il tuo post sul blog, magari con il nostro SEO Editor, controlla il tuo articolo con Copy Metrics. Stai usando argomenti più pertinenti come parole chiave rispetto al tuo concorrente? Il tempo di lettura e la sua facilità sono accettabili? Tutte le tue immagini hanno un tag alt? 

Scala la SERP!

Se la risposta a tutte le domande di cui sopra è ‘sì’, hai buone possibilità di superarlo il tuo concorrente. Ora, fallo più e più volte e conquista sempre più SERP!